seguici su: Facebook Twitter RSS
Sabato, 4 Febbraio 2023 ore
03-09-2022 15:47 REGGINA - PALERMO 3-0: Fabbian MVP, amaranto letali
REGGINA - PALERMO 3-0: Fabbian MVP, amaranto letali

Reggina (4-3-3): Colombi; Pierozzi, Cionek, Gagliolo, Di Chiara; Fabbian, Crisetig, Majer; Canotto, Ménez, Rivas. A disposizione: Ravaglia, Dutu, Loiacono, Camporese, Liotti, Giraudo, Agostinelli, Lombardi, Gori, Cicerelli, Santander, Ricci. Allenatore: Filippo Inzaghi.

Palermo (4-3-3): Pigliacelli; Buttaru, Nedelcearu, Bettella, Mateju; Saric, Stulac, Segre; Elia, Brunori, Di Mariano. A disposizione: Grotta, Massolo, Pierozzi E., Sala, Floriano, Marconi, Vido, Damiani, Doda, Soleri, Lancini. Allenatore: Eugenio Corini.

Arbitro: Luca Massimi di Termoli. Assistenti: Alessandro Cipressa di Lecce e Alessio Saccenti di Modena. 

IV ufficiale: Michele Giordano di Novara. 

VAR: Marco Piccinini di Forlì. A-VAR: Vittorio Di Gioia di Nola.

Ammoniti: 19’ Pierozzi; 29’ Di Chiara; 38’ Canotto; 66’ Bettella; 85’ Bettella

Espulsi: 63’ Cionek; 85’ Bettella

Marcature: 8’ Fabbian; 58 Menez; 73' Liotti

 

CRONACA:

Reggina e Palermo si sfideranno quest’oggi al Granillo in un incontro che potrà dire molto sul futuro delle rispettive società. La Reggina entusiasta dopo la convincente vittoria col Sudtirol, mantiene la formazione e schiera nuovamente il terzetto offensivo leggero con Menez punta, ai suoi lati Rivas e Canotto. Il Palermo conta ben 6 nuovi arrivi dal mercato, vuole rimediare alla sconfitta patita nell’ultimo match contro l’Ascoli, subito in campo Segre e Saric a centrocampo, Di Mariano, Brunori ed Elia proveranno ad aprire la difesa guidata da Cionek e Gagliolo.

 

PRIMO TEMPO:

Ci prova subito Majer con un tiro dai 20 metri, mura la difesa ospite e prova a ripartire in contropiede, saggiamente Gagliolo commette fallo al livello del cerchio di centrocampo facilitato da un brutto controllo di Brunori, è passato solo un minuto ma le squadre appaiono pimpanti. Grande occasione per Rivas al quarto minuto, cross di Canotto verso Menez, rimpalli in area, Rivas carica il destro e tira a colpo sicuro, Pigliacelli compie un grande intervento ma era tutto fermo per fallo in attacco di Menez, primo brivido per il Palermo. Lancio in profondità per la corsa di Canotto, il giocatore perde un tempo di gioco in più prima di crossare, facendosi rimontare da Mateju, sarà corner. Angolo affidato a Crisetig, la sua parabola è perfetta per il colpo di testa di Fabbian, ed ancora lui timbra il tabellino dei marcatori portando in vantaggio la Reggina all’ottavo minuto di gioco. Amaranto che troverebbero anche il raddoppio sul lancio preciso di Menez da centrocampo, imbeccato Rivas in scatto centrale elude l’intera difesa avversaria, fulmina Pigliacelli con un pallonetto ma la sua gioia è cancellata dal Var, in grado di rilevare un fuorigioco di pochi centimetri, è tutto da rifare per gli uomini di Pippo Inzaghi. Prova a reagire il Palermo, punizione di Stulac, Brunori viene contratto da Majer che salva la sua squadra. Ci prova ancora il Palermo, Brunori per Di Mariano, l’esterno disegna il passaggio per Segre, quest’ultimo si inserisce ma non riesce a dare forza alla conclusione, Colombi lascia sfilare sul fondo la sfera. Clamorosa occasione sciupata dalla Reggina, che in superiorità numerica offensiva regala invece il contropiede al Palermo per un tocco troppo corto di Menez, costretto Di Chiara a spendere il giallo per fallo tattico. Cross al centro di Pierozzi, Menez perde un contrasto e permette a Di Mariano di ripartire in velocità, lo insegue Canotto che dopo una corsa di 50 metri commette fallo, ammonito anche lui. Pericolo in area amaranto, cross di Buttaro dal fondo, Brunori va in spaccata, si apre un parapiglia in area, l’arbitro ferma però tutto per il fallo dello stesso attaccante del Palermo su Cionek. Saranno 3 i minuti di recupero, dovuti agli interventi VAR e dello staff medico del Palermo. Non succede più nulla si andrà negli spogliatoi sul risultato di 1 a 0 per i padroni di casa.

 

SECONDO TEMPO:

Primo cambio per la Reggina, Camporese prenderà il posto di Pierozzi, Cionek si allarga sull’out di destra. Delizioso pallone di Crisetig per Menez, il francese stoppa la sfera e serve Majer, assist per Rivas, la conclusione del’honduregno è murata, altra preziosa occasione per il raddoppio che svanisce. Ancora Menez alla ricerca dell’assist decisivo, non riesce però a sfondare,. Esce zoppicando Saric, al suo posto verrà inserito Damiani. Grande occasione per il pari del Palermo, Cionek perde Di Mariano in marcatura, tutto solo colpisce di testa ma sbaglia clamorosamente. Non c’è tempo per prendere fiato, ancora Palermo in attacco ed ancora pericoloso, questa volta è Brunori, che a porta spalancata trova l’opposizione di Camporese in scivolata. Ripartenza veloce della Reggina, recupero di Majer che elude il ritorno avversario e lancia Canotto in profondità, tocco centrale per Rivas, l’esterno non ci pensa due volte e riallarga per Menez sulla sinistra, stop dribbling rientrando al centro e conclusione a spiazzare Pigliacelli, proprio nel momento migliore degli avversari gli amaranto si portano sul 2 a 0. Entra Cicerelli per Canotto al 61esimo, Inzaghi vuole evitare rischi. Neanche un minuto più tardi l’intervento killer di Cionek, punito col rosso diretto, rischia di annullare tutto il buono fatto sin qui. Esce Menez, dentro Loiacono che occuperà il vuoto lasciato in difesa, fuori anche Majer per Liotti. Nonostante l’uomo in meno la Reggina non vuole lasciare campo al Palermo, Cicerelli lancia infatti Fabbian in profondità, il giovane centrocampista arriva sul fondo e sfida due avversari, conquistando un prezioso calcio di punizione, gasando il pubblico del Granillo sempre più rumoroso. Rimessa laterale in posizione offensiva per la Reggina, sfugge Cicerelli al diretto marcatore, cross basso a cercare l’inserimento di Liotti, e Reggina che addirittura trova il 3 a 0 al 73esimo, nonostante l’inferiorità numerica. Entra anche l’ex Cremonese Vido per cercare di dare sostanza all’attacco ospite. Finale rabbioso e nervoso per la squadra di Corini, arriva il cartellino rosso anche per il centrale rosanero Bettella, intervento da tergo e giustamente sanzionato. C'è il tempo di vedere un paio di occasioni rosanero, facili per Colombi gli interventi. Dopo 5 minuti di recupero l'arbitro pone fine alla contesa, Reggina 3 Palermo 0.

 

La Reggina conferma di voler fare la voce grossa in questo campionato, dimostrando una solidità tale che anche con l'uomo in meno non ha subito il ritorno del Palermo. Si conferma Fabbian come uomo imprescindibile nello scacchiere tattico di Inzaghi.

 

Antonio Agostino

Condividi su Condividi http://www.radiogammanostop.it/News/primo-piano/37086/reggina-palermo-30-fabbian-mvp-amaranto-letali su Facebook Condividi http://www.radiogammanostop.it/News/primo-piano/37086/reggina-palermo-30-fabbian-mvp-amaranto-letali su Twitter
Diretta Radio
Spacca Napoli
Radio Gamma
Music City On Air
Infoitalia Servizi
Croce Italiana
contattaci per questo spazio 0965.812883
News