seguici su: Facebook Twitter RSS
Giovedi, 9 Dicembre 2021 ore
16-10-2021 16:01 VICENZA - REGGINA 0-1: AMARANTO CORSARI, LA DECIDE GALABINOV
VICENZA - REGGINA 0-1: AMARANTO CORSARI, LA DECIDE GALABINOV

VICENZA (3-4-1-2): Grandi; Brosco, Padella, Pasini; Di Pardo, Ranocchia, Zonta, Calderoni; Dalmonte; Diaw, Longo. A disposizione: Pizzignacco, Confente, Taugourdeau, Proia, Giacomelli, Bruscagin, Ierardi, Crecco, Pontisso, Mancini, Meggiorini, Sandon. Allenatore: Brocchi.

 

REGGINA (4-2-3-1): Turati; Loiacono, Cionek, Stavropoulos, Di Chiara; Bianchi, Crisetig; Ricci, Ménez, Bellomo; Galabinov. A disposizione: Aglietti, Amione, Lakicevic, Liotti, Cortinovis, Gavioli, Hetemaj, Laribi, Rivas, Denis, Montalto, Tumminello. Allenatore: Aglietti.

 

 

Arbitro: Matteo Gariglio della sezione di Pinerolo 

 

Assistenti:Stefano Alassio di Imperia e Dario Garzelli di Livorno 

 

IV Ufficiale: Michele Giordano di Novara 

 

VAR: Luca Pairetto di Nichelino AVAR: Damiano Margani di Latina.

 

Ammonizioni: 17' Bianchi; 22' Longo; 24' Diaw; 56' Pasini; 86' Meggiorini

 

Espulsioni:

 

Marcature: 31' Galabinov

 

 

 

 

CRONACA:

 

La Reggina arriva alla prova Vicenza motivata nel reagire subito al ko subito contro la capolista Pisa. La squadra di casa non ha pero' l'intenzione di fermarsi proprio ora, il neo-tecnico Brocchi ha infatti portato entusiasmo, alimentato soprattutto dalla prima vittoria stagionale arrivata nello scontro salvezza col Pordenone. I due allenatori non modificano gli assetti tattici: Mister Aglietti propone il 4-2-3-1 gia' analizzato nelle precedenti sfide, diverse le novita' di giornata a partire dalla presenza del giovane portiere Turati per lo squalificato Micai, Stavropoulos si riprende il posto come partner di Cionek a sfavore di Regini, si rivede Loiacono in versione terzino destro, non per ultimo ritorna Menez dal primo minuto a sostegno di Galabinov. Brocchi sceglie la difesa a 5 per contrastare i 4 giocatori offensivi schierati dalla Reggina, l'ex Trapani Dalmonte verra' proposto a sostegno delle punte Diaw e Longo, da non sottovalutare il crescente dualismo e la qualita' dei due attaccanti.

 

 

 

 

Primo Tempo:

 

Come siamo ormai abituati a vedere, la Reggina mostra aggressivita' ad inizio match, provando il recupero alto della sfera. Vicenza che nei primi minuti fa densita' nella propria meta' campo, affidando le proprie offensive sulla ricerca in profondita' del veloce Diaw. Produce dopo pochi minuti un'occasione interessante la Reggina, su angolo battuto dalla destra e' Di Chiara a provare una conclusione volante, alta sopra la traversa. La risposta del Vicenza e' nel lavoro di Longo e Diaw, cercato l'ex Monza in profondita', il suo passaggio basso taglia l'area a meta' trovando in ritardo un intervento dei compagni, occasione che sfuma. Irruento Cionek al 16esimo minuto, quando interviene pericolosamente vicino allo spigolo dell'area di rigore, regalando un'ottima punizione agli avversari. Sulla battuta Ranocchia, spaventa Turati, colpendo la traversa con la perfetta parabola della sua conclusione. Arriva la reazione della Reggina, Di Chiara in proiezione offensiva, stop al volo e pennellata sulla testa di Galabinov, il bulgaro impatta la sfera ma non inquadra la porta. Ammonite curiosamente entrambe le punte del Vicenza per due gomitate al 22' ed al 24', aumenta particolarmente la tensione tra i giocatori. Pasticcia Crisetig al 26esimo, si fa scippare il pallone da Dalmonte, la sua conclusione e' di poco alta sopra la traversa, ma e' imperdonabile l'errore del centrocampista amaranto. Ancora il Vicenza, Di Pardo sulla destra riesce a crossare basso, Diaw tira di prima e lambisce il palo. Ci si aspetta piu' intensita' dalla Reggina, scomparsa dal campo in questa fase centrale di tempo. Come spesso accade nel calcio, proprio nei momenti di difficolta', arriva sugli sviluppi del corner battuto da Menez, il tiro al volo di Galabinov per il vantaggio ospite. Il Vicenza ha subito il colpo, non riuscendo piu' a farsi vivo dalle parti di Turati, oro colato per la Reggina che dopo il vantaggio ha abbassato il proprio baricentro. Pericolo in area amaranto, Longo riceve uno scarico da destra, abbracciato leggermente da Cionek, riesce comunque a stoppare il pallone e girarsi per il tiro, si tuffa Turati e blocca la sfera. Ancora il Vicenza, accelera sugli esterni, da un cross Diaw lasciato solo in area, schiaccia verso la porta di testa, ma clamorosamente tra le braccia di Turati. Sofferenza per il centrocampo amaranto, da un altro sanguinoso pallone perso nella propria mediana, Longo si ritrova sul dischetto dell'area di rigore, supera il diretto avversario ma si perde in un altro dribbling, sprecando un'occasione d'oro per i suoi. Arriva il fischio di Gariglio che mette fine alla prima frazione di gara.

 

 

 

Secondo Tempo:

 

Si riparte con le stesse formazioni scese in campo nel primo tempo. Giro-palla della Reggina, lancio verso Ricci, lasciato solo sull'out pondera il cross, irrompe Menez in area, ma il francese non riesce a tenere basso il pallone, ottima occasione per il raddoppio. Continua il lungo possesso degli uomini di Aglietti, riesce ad uscirne il Vicenza con Diaw che si abbassa per far ripartire i suoi ed imbastisce la ripartenza del Vicenza, Ranocchia serve Calderoni, l'esterno calibra la parabola verso Diaw, pallone che schizza verso Di Pardo, sul controcross deviato, si immola un generosissimo Menez e guadagna il fallo in mezzo a 3 avversari, possono rifiatare i suoi compagni. Doppio cambio per il Vicenza: Longo e Ranocchia lasceranno il posto a Taugourdeau e Meggiorini. E' proprio il francese a far tremare Aglietti, punizione magistrale clamorosamente sull'incrocio dei pali, sulla respinta salva la difesa su Diaw pronto a ribattere in rete. L'allenatore amaranto vede che i suoi non riescono piu' a controllare la gara come prima, decide dunque di inserire forze fresche: Hatemaj e Laribi sostituiscono Bianchi e Ricci. Tegola per la Reggina, su una torsione Menez chiede immediatamente il cambio, sin qui e' stato il migliore dei suoi, entra Rivas al suo posto. Sterzata di Meggiorini, cercato in profondita', il cross del sempre presente Di Pardo trova la chiusura dell'altro esterno Calderoni, Laribi segue il movimento dell'avversario e con esperienza riesce a sbilanciarlo il tanto che basta per non permettergli di concludere al meglio. Altra girandola di cambi per entrambi i tecnici con Proia, Crecco e Pontisso che sostituiscono Dalmonte, Calderoni e Zonta, Cortinovis e Lakicevic invece entrano per far rifiatare Bellomo e Loiacono. Cambi offensivi quindi per entrambi i tecnici, intenti a non abbassare l'intensita' della gara alla ricerca della rete. L'innesto di Cortinovis porta ad una gestione del pallone piu' ragionata, il giovane di proprieta' dell'Atalanta scende fino alla linea della mediana, prendendosi il pallone con personalita' e regolando i ritmi di gioco. Saranno 6 i minuti di recupero, il Vicenza deve affrettare le operazioni se vuole sperare nel pari, Reggina che si e' compattata non subendo piu' alcun pericolo. La squadra di Brocchi prova ad insinuarsi nel muro erto dagli avversari, non riuscendo a rendersi mai pericoloso, e' la prima vittoria esterna per la squadra di Aglietti.

 

 

Corsara la Reggina in quel di Vicenza, risultato maturato grazie alla rete di Galabinov, nonostante la scarsa vena offensiva dei compagni, ma in grado nonostante le imprecisioni di mantenere la rete inviolata portando a casa una vittoria fondamentale per la classifica.

 

 

 

Antonio Agostino

 
Condividi su Condividi http://www.radiogammanostop.it/News/primo-piano/36916/vicenza-reggina-01-amaranto-corsari-la-decide-galabinov su Facebook Condividi http://www.radiogammanostop.it/News/primo-piano/36916/vicenza-reggina-01-amaranto-corsari-la-decide-galabinov su Twitter
Diretta Radio
Infoitalia Servizi
Croce Italiana
contattaci per questo spazio 0965.812883
Radio Gamma
Spacca Napoli
Music City On Air
News