seguici su: Facebook Twitter RSS
Venerdi, 1 Luglio 2022 ore
19-03-2022 16:03 REGGINA - COSENZA 1-0: la decide Folorunsho dagli 11 metri
REGGINA - COSENZA 1-0: la decide Folorunsho dagli 11 metri

Reggina (3-5-2): Micai; Cionek, Amione, Di Chiara; Giraudo, Hetemaj Crisetig, Cortinovis, Kupisz; Folorunsho, Rivas. A disposizione: Aglietti, Adjapong, Franco, Stavropoulos, Bellomo, Bianchi, Ejjaki, Lombardi, Diop, Galabinov, Montalto, Tumminello. Allenatore: Stellone.

Cosenza (3-4-1-2): Matosevic; Rigione, Camporese, Venturi; Situm, Kongolo, Vallocchia, Liotti; Caso; Millico, Larrivey. A disposizione: Sarri, Carraro, Pandolfi, Vaisanen, Sy, Gerbo, Florenzi, Voca, Arioli, Hristov, Laura, Di Pardo. Allenatore: Chiodi.

Arbitro: Antonio Giua di Olbia. Assistenti: Alessandro Cipressa di Lecce e Fabrizio Lombardo di Cinisello Balsamo.  

IV ufficiale: Valerio Maranesi di Ciampino.

VAR: Luca Massimi di Termoli. A-VAR: Pietro Dei Giudici di Latina.

Ammonizioni: 1’ Rigione; 9’ Kupisz; 23’ Caso; 59’ Adjapong; 83’ Cionek; 87’ Larrivey; 87’ Amione; 90’ Stavropoulos; 91' Sy; 94' Laura

Espulsioni:

Marcature: 37’ Folorunsho

 

Cronaca:

Reggina e Cosenza vengono da due pareggi nelle rispettive ultime sfide di campionato ma stati d’animo ed obiettivi diametralmente opposti. Il Cosenza necessita di punti per costruire la sua salvezza e lanciarsi verso un finale di campionato più tranquillo, Reggina che insegue il sogno playoff, non può permettersi un passo falso. Confermato da mister Stellone il 3-5-2, si rivede Cionek in difesa così come Cortinovis a centrocampo, confermata la coppia d’attacco Folorunsho-Rivas. Cosenza che può vantare l’arrivo dell’esperto centravanti Larrivey in coppia con Millico, talento del Torino, la casella esterni sarà occupata dagli ex Liotti e Situm.


Primo Tempo:

Inizio di partita aggressivo del Cosenza, lo dimostra il giallo assegnato a Rigione dopo 24 secondi, un record per la categoria. Subito pericolosa la Reggina, il calcio di punizione è affidato a Di Chiara, la sua conclusione finisce non di molto distante dall’incrocio dei pali difeso da Matosevic. Amaranto che faticano a trovare varchi nella densa metà campo avversaria, non arrivano pericoli dalle parti di Micai, con Amione padrone di tutti i palloni alti. La risposta del Cosenza è proprio su punizione: siluro dell’ex Liotti, la traversa salva gli amaranto che poi riescono a rifugiarsi in calcio d’angolo. La Reggina dopo lo spavento vuole prendere la partita in mano, si muove Rivas sulla trequarti, cerca Folorunsho dentro l’area, prova l’aggancio in allungo non raggiungendo il pallone, polemiche per una possibile trattenuta, l’arbitro Giua lascia proseguire. Prova a rendersi pericoloso il Cosenza, al 30simo punizione di Liotti dalla sinistra, palla pericolosamente nella disponibilità di Kongolo, il cross a cercare Larrivey viene intercettato dal solito Amione, che libera l’area. Prova ad accendere la luce Folorunsho, velo per Rivas, pallone di ritorno e scatto del giocatore di proprietà del Napoli, cross basso al centro ma Rivas è troppo solo in area, difesa che devia in angolo. Possibile svolta del match al 35esimo, un cross dalla sinistra trova Kupisz lasciato solo in area, stop e conclusione del polacco, disturbato però da Vallocchia alle spalle, l’arbitro giudica l’intervento da rigore. Sul dischetto Folorunsho è glaciale, palla all’angolino nonostante la giusta intuizione del portiere, 1-0. Rilancio di Matosevic, sponda di Larrivey verso Caso, l’inserimento del cosentino è fatto coi tempi giusti, ma Cionek fa buona guardia murando la sua conclusione. Reggina che approfitta di una discutibile gestione del possesso palla del Cosenza, filtrante di Cortinovis per Rivas che incrocia il tiro e batte Matosevic, viene segnalato però un fuorigioco millimetrico, confermato dal VAR, si riparte dall’1-0.


Secondo Tempo:

Stellone decide di sostituire l’ammonito Kupisz con Adjapong, tatticamente non cambia nulla. Staffetta Laura-Millico in avanti per il Cosenza. Subito sgroppata di Folorunsho che recupera palla a centrocampo e converte l’azione in offensiva, il Cosenza è però ben disposto in campo, i movimenti offensivi dei compagni non arrivano, si ricomincia da dietro. Brutto intervento di Di Chiara, rischio cartellino rosso, l’arbitro lo grazia comminando solo l’ammonizione. Occasione Reggina, Crisetig allarga verso Giraudo, cross al centro, aggancia Folorunsho allargandosi, il tiro è sull’esterno della rete, poteva essere gestita meglio quest’occasione. Ennesimo errore in impostazione del Cosenza, prova ad approfittarne Folorunsho con un dribbling complicato sulla sua corsa, Venturi rischia la scivolata da ultimo uomo ed ha ragione, sospiro di sollievo per il tecnico Chiodi. Doppio cambio ancora per la Reggina, Cortinovis e Giraudo lasciano il posto a Bianchi e Stavropoulos. Travolgente azione di Rivas, l’honduregno prende palla a centrocampo supera il diretto marcatore e si lancia in un coast to coast verso l’area avversaria, dopo una corsa di 60 metri viene fermato in tackle, applausi per lui. Rientro in campo anche per Galabinov, staffetta con Rivas per aggiungere fisicità e perisolosità aerea nel quarto d’ora finale. Alza i giri il Cosenza, si entra nel forcing finale. Accelera Caso sulla sinistra, si accentra e vince il duello con Adjapong, palla dentro bassa, deviazione di Micai, sul campanile alzato si avventa Larrivey, palla che si stampa sulla traversa, si salva la Reggina. La Reggina tenta qualche verticalizzazione veloce, Galabinov è lasciato troppo solo in avanti, viene gestito agevolmente dalla retroguardia. Rimane a terra dolorante Cionek, problema muscolare per lui ma sembra poter continuare. Pressione del Cosenza, la Reggina non riesce a liberare, da un parapiglia in area, arriva un contatto con Caso che rimane giù, si accende una piccola rissa, ne risultano ammoniti Larrivey ed Amione. Finale concitato di partita, contatto in area Amione-Laura, l’arbitro indica il dischetto del rigore. Dopo un controllo VAR approfondito, viene però annullata la decisione arbitrale e scatta l’ammonizione per simulazione per l’attaccante cosentino. Dopo 7 minuti di recupero ricchi di emozioni, la Reggina porta a casa il derby davanti al proprio pubblico, 1-0 grazie al rigore concretizzato da Folorunsho.

Non la migliore partita della gestione Stellone, seppur con qualche rischio, la Reggina porta a casa la posta in palio piena. Gli amaranto mostrano quel cinismo mancato nella parte centrale di stagione che avrebbe potuto regalare ai tifosi una classifica sicuramente migliore.

Antonio Agostino

Condividi su Condividi http://www.radiogammanostop.it/News/primo-piano/37061/reggina-cosenza-10-la-decide-folorunsho-dagli-11-metri su Facebook Condividi http://www.radiogammanostop.it/News/primo-piano/37061/reggina-cosenza-10-la-decide-folorunsho-dagli-11-metri su Twitter
Diretta Radio
Infoitalia Servizi
Croce Italiana
contattaci per questo spazio 0965.812883
Radio Gamma
Spacca Napoli
Music City On Air
News